Home Blog

Ecco finalmente il salame 100% vegano, L’insalame

Dalle Marche il nuovo salame 100% vegano, l’insalame

A base di cicoria, lattuga, rucola, scarola, radicchio,
valeriana, tarassaco e aglio, questo piatto è davvero
un eccellente sostituto dell’insaccato.
Il grasso è ottenuto dalla centrifugazione di pregiati
oli vegetali e burro di nocciole salato.
Si può avere con o senza pepe, la “Pelle” viene
ricavata con un opportuno trattamento delle
foglie di mais.

Ovviamente si tratta di una bufala che gira ultimamente,
il salame vegano non è mai esistito, la foto è stata solo
tinta con l’ausilio di photoshop, come si può evincere
dalla foto che segue.

La notizia da Vicenza, Tumori al cervello, accusati i cellulari.

Cellulari rischio tumori al cervello e al nervo uditivo.
Dal primario di neurochirurgia del San Bortolo di Vicenza, Lorenzo Volpin.
“Se il telefono viene tenuto per molto tempo vicino all’orecchio, le radiazioni possono riscaldare il nervo che induce gli stimoli sonori.
È un fatto accertato.”

Il primario lancia l’allarme sulla possibilità che vi sia correlazione tra un uso intenso dei telefonini e l’insorgenza del neurinoma benigno.
Prove definitive ancora non ce ne sono, infatti è ancora troppo breve la storia dei telefonini, si valuta che solo tra una ventina di anni ci siano dati epidemiologici più attendibili.
Ma i sospetti sono parecchi e in continua crescita.
L’uso eccessivo degli smartphone potrebbe portare a sviluppare un tumore chiamato neurinoma.
Lorenzo Volpin è primario di neurochirurgia del San Bortolo di Vicenza, specialista con all’attivo migliaia di interventi, un esperto noto ed apprezzato in tutta Italia, quindi un allarme da non prendere alla leggera.
Di sicuro non c’è ancora nulla, anche se già parecchi studi indagano sugli smartphone e sugli effetti dell’elettromagnetismo sui tessuti umani.
Bisognerebbe avere l’accortezza di adottare stili di vita che prediligano auricolare o viva voce.
La cosa certa al momento e che gli smartphone producono onde elettromagnetiche vicino all’orecchio, e che queste radiazioni scaldano non solo il tessuto superficiale ma anche il nervo cocleare 
Quello insomma che porta al cervello gli stimoli sonori.

Fonte il Giornale di Vicenza.

I medici cinesi, eccezionali (Barzelletta)

Un giovane medico cinese appena laureato non riesce a trovare lavoro né presso gli ospedali, né presso cliniche private.
Decide allora di aprire un proprio studio e come pubblicità sparge la zona di volantini che dicono che lui risolve tutti i problemi delle malattie a soli 20 euro, e nel caso non ne sia capace darà 100 euro lui al paziente insoddisfatto.

Un avvocato legge il volantino e pensa di incastrarlo con delle false malattie e guadagnarsi i 100 euro.
Si presenta e dice:
“Dottore, non riesco più a sentire i sapori. Sono disperato”.
“Non si pleoccupi, lisolviamo tutto. Infermiela, scaffale N. 20, fialetta numelo 5”.
Il medico rompe la fialetta e la versa sulla lingua dell’avvocato.
” …Ma questa è benzina!”
“Visto! Ha liacquistato il gusto dei sapoli.” “20 eulo”.

L’avvocato incavolato paga, ma medita vendetta e così il giorno dopo si ripresenta dal dottore cinese.
“Dottore, ho perso la memoria, non mi ricordo più nulla!”
“Non si pleoccupi, lisolviamo tutto. Infermiela, scaffale N. 20, fialetta numelo 5”.
“Ma quella è la benzina di ieri!”
“Visto! Ha liacquistato la memolia.” “20 eulo”

L’avvocato è infuriato, paga, si arrovella e ne studia una più difficile e il giorno dopo torna dal dottore cinese.
“Dottore , ho perso la vista! Non vedo più niente! Mi aiuti!”
” Mi dispiace ma questo ploblema non sono capace di lisolvello. Ecco a lei 100 eulo.”
E dà i soldi all’avvocato.
“Ma questo è un pezzo di carta igienica” dice l’avvocato.
“Visto. Ha liacquistato la vista.” “20 eulo” …🤣🤣🤣🤣

Un grosso problema (Barzelletta)

Dottore ho un problema e ridono tutti di me.

“Dotto’, tengo ‘nu problema ‘nu poco delicato”. “Prego, dica, dica pure!”. “Dotto’, ma io mi metto vergogna. Mi sfottono tutti quanti”. “Ma la prego, io sono qui per aiutarla”. “Dotto’, ma poi lei si mette a ridere…”. “Ma che scherziamo, io sono una persona seria, avanti mi dica…”. “Dotto’, io tengo ‘na palla piu’ piccola e ‘na palla piu’ grossa!”. “Eeeeh, e che e’, non siete il primo caso e non sarete l’ ultimo. Dunque, si abbassi i pantaloni e mi faccia vedere”. “Dotto’, ma poi lei si mette a ridere, a me mi sfottono tutti quanti!”. “Ancora con questa storia, io sono un professionista, forza si abbassi i pantaloni e mi faccia vedere”. Il tizio si abbassa i pantaloni e caccia fuori un coglione grosso come un melone. Il medico non riesce a trattenersi davanti a tale spettacolo che comincia a ridere. E il tizio: “Eh, dotto’, ‘o ssapevo, mo’ quella piu’ grossa non va faccio vede’…”

La dignità, questa sconosciuta.

DIGNITÀ
Una signora chiede:
” quanto vendete le vostre uova?”
Il vecchio venditore risponde:
” 0.50 centesimi un uovo, signora
La signora dice:
“prendo 6 uova per 2.50 euro o me ne vado”.
Il vecchio venditore gli risponde:
” Acquistate al prezzo che desiderate, signora. Questo è un buon inizio per me perché oggi non ho venduto un solo uovo e ho bisogno di questo per vivere “.

Ha comprato le sue uova a prezzo contrattato ed è andata via con la sensazione di aver vinto.
È entrata nella sua auto elegante ed è andata in un ristorante elegante con la sua amica.
Lei e la sua amica hanno ordinato quello che volevano. Hanno mangiato un po’ e hanno lasciato un sacco di quello che avevano chiesto.
Così hanno pagato il conto, che era di 400 euro, le signore hanno dato 500 euro e hanno detto al proprietario del ristorante chic di tenere il resto come mancia…

Questa storia potrebbe sembrare abbastanza normale nei confronti del capo del ristorante di lusso, ma molto ingiusta per il venditore delle uova…

La domanda è:

Perché dobbiamo sempre dimostrare che abbiamo il potere quando compriamo dai bisognosi?
E perché siamo generosi con quelli che non hanno nemmeno bisogno della nostra generosità?

Una volta ho letto da qualche parte:

” Mio padre aveva l’abitudine di acquistare beni dai poveri a prezzi elevati, anche se non aveva bisogno di queste cose.
A volte li pagava di piu ‘. Un giorno gli chiesi: ” Perché lo fai, papà?”
Così mio padre rispose:
“È una carità avvolta nella dignità, Figlio mio”

So che la maggior parte di voi non condividerá questo messaggio, ma se siete una delle persone che ha preso il tempo di leggere finora… allora questo messaggio di tentativo “di umanizzazione” avrà fatto un passo in più nella giusta direzione.

Ci sono giocattoli che ti riportano all’infanzia

Ci sono giocattoli che ti riportano all’infanzia,
Chi di voi non ricorda l’Oklahoma, la mitica pistoletta a gommini che ha riempito pomeriggi e pomeriggi della nostra gioventù, il cercare di recuperare tutti i gommini per usarli all’infinito, e i tiri di precisione con un oggetto che di preciso non aveva proprio nulla.
Malgrado tutto però rimaneva un oggetto del desiderio che non tutti potevano permettersi, non c’era la disponibilità economica dei giorni nostri, ma basta guardarla per ricordare pomeriggi spensierati.

Le domande, quelle difficili.

Hai calli e duroni? ecco il rimedio definitivo.

 

I 10 comandamenti del gatto.

Ovviamente rivolti agli schiavi umani.

1° Non avrai altro Dio all’infuori di me.
2° Non nominare il mio nome invano.
3° Ricordati di santificarmi tutti i giorni.
4° Onora la mia ciotola.
5° Non stressarmi io non uccido, caccio.
6° inutile comprare i tira graffi mi faccio le unghie dove mi pare.
7° Non mi rubare le crocchette.
8° Non dirò mai nulla che mi possa incriminare.
9° Non desiderare il cane della vicina.
10° Non desiderare la roba d’altri che se ti beccano resto senza schiava.

Alessio e la bellissima maestra (Barzelletta).

Alessio aveva una bellissima maestra. ma…
Questa maestra urlava sempre ad Alessio : “Mi farai impazzire, Alessio ! Con te non c’è più niente da fare! Alessio , sei inutile.” Un giorno, la madre di Alessio andò a scuola per verificare come stava andando suo figlio. La professoressa le disse che suo figlio era un disastro, aveva le peggiori note dell’anno e che lei, in 25 anni di insegnamento, non aveva mai visto un bambino così, così stronzo.
La madre fu così spaventata da questa conversazione sincera che decise di ritirare il figlio Alessio dalla scuola e di trasferirsi a Roma per far studiare Alessio in un centro specializzato.
Dopo 25 anni, alla stessa insegnante, le fu diagnosticata una grave malattia del cuore. Tutti i medici consultati convennero che aveva bisogno di un intervento molto delicato e molto costoso, che solo un famoso medico residente nella Capitale a Roma poteva fare.
La professoressa, senza speranza, decise di vendere tutto quello che aveva e con i risparmi di tutta la sua vita, intraprese il viaggio per provare la costosa operazione che, infine, fu realizzata dal medico fantastico, che dichiarò che l’operazione fu un successo assoluto. Quando la professoressa aprì gli occhi, sentì tutta la forza tornare nel suo corpo e vide in piedi accanto un giovane medico che le sorrideva.
Voleva dire qualche parola di ringraziamento, ma non pote parlare.. Il suo viso diventò blu, cercò di alzare la mano e persino provò a gridare ma non poté farlo… E rapidamente… Morì davanti al medico che stava cercando di capire cosa era successo. Allora il dottore guardò al suo fianco e vide quello stronzo di Alessio , che lavorava alle pulizie dell’ospedale, che aveva staccato il respiratore artificiale per collegare l’aspirapolvere. Cosa pensavate? Che Alessio era diventato un grande chirurgo cardiovascolare? Mi sembra che voi abbiate letto troppi romanzi. o visto troppi film su facebook .. Caxxo colui che nasce stronzo, rimane merda tutta la vita

Il medico e l’amante infermiera (Barzelletta).

L’ infermiera rimane incinta del medico suo amante…
l medico per evitare che la moglie lo scopra, manda l’infermiera alla sua città natale e le chiede di rimanerci fino a quando non partorisce.
-Ma come faccio ad avvisarti quando nasce il bimbo?-
-Manda una cartolina e scrivici “PANINO”. E non ti preoccupare che penserò io alle spese del bimbo-
I mesi passano e un giorno, ritornando a casa, la moglie gli dice:
-È arrivato una cartolina da Bolzano ma non riesco a capire il significato del messaggio.-
Il medico legge e cade svenuto a terra colto da un malore. Portato all’ospedale il cardiologo chiede alla moglie:
-È successo qualcosa che possa aver causato questo male improvviso?-
-Veramente ha solo letto questa cartolina postale:
CINQUE PANINI, due con salsiccia e tre senza
😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂